I MARRON GLACE’: LA RICETTA

 

I marron glacè costano un’enormità.
Anzi, diciamo meglio: uno sproposito.
Il loro prezzo infatti si aggira sui 2 euro per SINGOLO marrone, sia che lo compriate nella pasticceria più rinomata della città che nella panetteria più anonima.
E 2 euro per un maron glacè di circa 20 grammi vogliono dire circa 100 euro al chilo.
Tanto, troppo, considerato che la pasticceria fresca costa sui 40 euro circa al chilo – la più cara- , e comprende lavorazioni e materie ben più costose e impegnative di qualche semplice castagna, o meglio marrone.
E allora, sapete che faccio? Io, i marron glacè me li faccio da me!
E sono buonissimi, uguali uguali a quelli che comprate in giro. Non ci credete?
Non vi resta che provare.

MARRON GLACE’

Ingredienti:
Mezzo chilo di marroni
Mezzo chilo d zucchero
Mezzo chilo di acqua
Sale grosso
mezza stecca di vaniglia

Esecuzione:

Lavare i marroni, incidetene la buccia con un taglio orizzontale che comprenda sia la parte bombata della castagna sia parte del retro, facendogli cioè anche fare gli “angoli” della castagna stessa e metteteli in acqua bollente salata (se lascerete i marroni cosi’ incisi in acqua fredda per una notte intera, sarà ancora più facile levare poi la buccia).
Dal momento dell’ebollizione, contate circa 20 minuti: il frutto dovrà comunque essere morbido (uno stecchino, infilato nel centro dopo aver spelato la castagna, dovrebbe riuscire agevolmente a passare da parte a parte). Dopodichè, sbucciate i marroni, togliendo anche l a pellicina interna.
Nel frattempo preparate lo sciroppo di zucchero: mettete l’acqua e lo zucchero sul fuoco e portate e ebollizione.
Passate ora alla fase della canditura: mettete nello sciroppo preparato i marroni spelati, delicatamente, e fate bollire per circa 5-10 minuto. Poi levate dal fuoco e fate raffreddare completamente (potete anche far riposare fino al giorno successivo, di modo che le castagne si imbevano per bene di sciroppo).
Una volta raffreddate, togliete delicatamente i marroni dallo sciroppo, rimettete lo sciroppo sul fuco e portate a ebollizione. Inserite nuovamente i marroni nello sciroppo bollente, con delicatezza, e fate bollire per circa un minuto.
Fate nuovamente raffreddare del tutto sciroppo e marroni. Ripetete questa operazioni circa 4 o 5 volte, fino a che le castagne non saranno ben intrise di sciroppo e quest’ultimo non sarà diventato di un colore ambrato. Nelle ultime due bolliture aggiungete allo sciroppo la polpa di mezzo stecca di vaniglia.
Potrete anche effettuare questa operazione facendo riposare i marroni nello sciroppo per tutta la notte: in questo caso, occorreranno ovviamente 4 o 5 giorni per avere pronti i marroni glassati.
Una volta effettuata l’ultima bollitura, mettete i marroni delicatamente su un gratella e colatevi sopra lo sciroppo rimasto.
E infine, gustate: sono o non sono uguali uguali a quelli comprati?