CORONAVIRUS, LUCA ZAIA LO SA: I CINESI MANGIANO I TOPI VIVI

 

Luca Zaia lo sa.

In Cina il Coronavirus si è diffuso rapidamente perchè i cinesi mangiano i topi vivi, inutile  stare tanto lì a menarcela tra virologi, scienziati, ricercatori e compagnia bella.

In una video intervista degli scorsi gioni ad Antenna 3, il Governatore del Veneto non si fa certo nessun problema a far capire  che in fondo i Cinesi se la sono un po’ cercata, l’epidemia di coronavirus, perchè d’altronde  “li abbiamo visti tutti i cinesi mangiarsi i topi vivi e altre robe del genere…”, sottolineando inoltre senza mezzi termini le carenze di igiene che secondo lui avrebbbero fatto da  “substrato” al diffondersi del virus, ovviamente sempre riferendosi nemmeno tanto velatamente al Paese asiatico.

E quindi lasciamo perdere tutti lambiccamenti dei virologi, non stiamo a perdere tempo chiedendoci se siano stati pipistrelli, serpenti o temibili virus sfuggiti a laboratori segreti cinesi dediti allo studio di temibili armi batteriologiche a infettare il Paese asiatico e di seguito tutto il mondo, perchè la risposta ce la dà Zaia, bella bella, semplice e lineare: i cinesi, dopo aver smesso di mangiare i bambini, si sono satollati di topi, vivi ovviamente, e quindi in fondo se la sono cercata.

Dimenticandosi però che in Italia il Veneto, la regione da lui governata, è seconda per casi di contagio accertato, subito dopo la Lombardia. Che anche in Veneto si sia soliti magiare “topi vivi e altre robe del genere”?

Se volete leggere il mio post completo, allora andate a questo link su Scatti di Gusto, e avrete una panoramica completa dello Zaia-pensiero su coronavirus, topi e cinesi.

 

Potrebbero interessarti anche...