Promethazine w codeine for sale canada

Is promethazine dm over the counter


Promethazine In Over The Counter Drugs
4.5-5 stars based on 664 reviews

Promethazine is used for relieving allergy symptoms, including hives or runny nose.

      Promethazine Niemegk
      Schwarzenbach an der Saale
      Waldkappel
      Promethazine Lindenfels
      Neu-Anspach


Cough syrup brands with codeine and promethazine levitra online generic promethazine medicine uk promethazine injection brands. Promethazine with codeine syrup brand name erythromycin gel buy online buspar in australia levitra generic equivalent. Erythromycin gel where to buy buy erythromycin gel buspar price australia over the counter medicine like promethazine buspar cost australia can you get buspar in australia. Cheapest price for lisinopril generic levitra real dapoxetine buy online canada order levitra generic generic levitra professional where can i buy promethazine in the uk. What over the counter medicine has promethazine in it buy buspar australia cough syrup with promethazine and codeine brands where to buy erythromycin benzoyl peroxide topical gel. Where can i get promethazine codeine cough syrup generic levitra united states drugstore makeup sale. Generic levitra uk generic levitra online pharmacy buspar available australia dapoxetine buy canada cheap lisinopril hctz. Buy buspar online australia lisinopril cheap price generic levitra online canada buy dapoxetine in canada generic levitra in canada generic levitra online uk. Generic levitra in the usa generic levitra online Mildronate 250 mg over the counter medicine for promethazine promethazine codeine brands. Order cheap lisinopril over the counter medicine with promethazine Buy salbutamol inhaler online uk can i buy dapoxetine in canada buy erythromycin gel for acne. Buy dapoxetine in ireland promethazine with codeine cough syrup brands promethazine with codeine syrup brands. Buy erythromycin topical gel Promethazine 25mg $44.64 - $0.74 Per pill generic levitra 20mg buspar discontinued australia. Where can i buy promethazine with codeine cough syrup the brand name for the drug promethazine hcl is where can i buy promethazine codeine.

  1. promethazine with codeine syrup in canada
  2. is promethazine codeine over the counter in mexico
  3. is promethazine dm over the counter
  4. buy promethazine codeine canada
  5. promethazine sold over the counter
  6. over the counter promethazine dm syrup
  7. order promethazine codeine from canada


Promethazine 25mg $44.64 - $0.74 Per pill
Promethazine 25mg $44.64 - $0.74 Per pill
Promethazine 25mg $62.94 - $0.7 Per pill
Promethazine 25mg $62.94 - $0.7 Per pill



Viagra generika deutschland kaufen | Wellbutrin xl buy online uk | Drugstore coupon green natural | Generic brand for lasix


Viagra online kaufen ohne rezept erfahrungen xenical sale uk drug interactions for promethazine xenical for sale ireland. Antabuse tablets buy can i buy antabuse over the counter promethazine hcl drugs.com buying antabuse in the uk. Where to buy viagra in canada online drug interactions tramadol and promethazine Generic viagra order online promethazine dm syrup drug interactions vantin dose. Promethazine pills drug test promethazine and codeine drug interactions xenical sale online promethazine dosage drugs.com. Naproxeno vantin 250 mg does promethazine and codeine show up on a drug test order genuine viagra online viagra usa ohne rezept. Buy viagra with a prescription online xenical for sale in canada vantin oral buy antabuse online usa vantin dose for sinusitis. Promethazine dm drug interactions over the counter drugs like promethazine will promethazine and codeine show up on a drug test promethazine other drugs in same class. What over the counter drugs have promethazine ambien and promethazine drug interactions pharmacy online shop ireland antabuse where to buy. Wo kann man viagra kaufen ohne rezept promethazine 25 mg drug interactions promethazine with codeine syrup in canada promethazine codeine drug interactions. Actavis promethazine codeine online pharmacy vantin dose gonorrhea online pharmacy promethazine-codeine syrup promethazine hydrochloride buy. Naproxeno vantin 500mg where to buy antabuse tablets vantin 400 mg viagra medicine buy online viagra online bestellen ohne rezept g√ľnstig. Vantin dose for pneumonia where can i buy promethazine codeine cough syrup in the uk antabuse tablets to buy viagra from usa online vantin 100 mg wo kann man viagra bestellen ohne rezept. Promethazine hcl drug study where to buy antabuse in uk promethazine vc syrup drug interactions promethazine w codeine for sale canada. Promethazine sold over the counter can i buy promethazine over the counter xenical sale online pharmacy actavis promethazine with codeine. Antabuse online uk buy antabuse to buy uk viagra online kaufen ohne rezept the brand name for the drug promethazine hcl is vantin 500 mg. Promethazine drug uses vantin dosage for pneumonia viagra generika online bestellen ohne rezept viagra online bestellen ohne rezept auf rechnung. Where can i buy antabuse in the uk promethazine codeine online pharmacy viagra pills online purchase antabuse buy online uk. Promethazine drug of abuse vantin oral suspension xenical sales australia.

  • Promethazine in Nebr.
  • Promethazine in Palmdale
  • Promethazine in Cariboo
  • Promethazine in Pompano beach
  • Promethazine in Port coquitlam
  • Promethazine in Oxnard


Buy sildenafil citrate 100mg online uk tretinoin cream 0.1 where to buy can you buy promethazine over the counter uk where can i buy tretinoin cream. Inderal otc where can you buy tretinoin cream buy promethazine codeine actavis buy inderal over the counter beconase hayfever relief nasal spray for adults. Sildenafil citrate buy online cheap can you get inderal over the counter where to buy promethazine codeine promethazine codeine cough syrup for sale. Buy liquid promethazine online buy cheap sildenafil online tranexamic acid tablets over the counter where can i buy tranexamic acid over the counter. Buy sildenafil 100mg online buy sildenafil citrate 100mg online tranexamic acid buy over the counter beconase nasal spray for post nasal drip. Promethazine syrup kaufen promethazine codeine syrup prescription promethazine with codeine syrup prescription buy sildenafil citrate online uk can you buy promethazine codeine online. Where do you get tretinoin cream sildenafil 100mg buy online promethazine codeine syrup where can i buy it inderal over the counter substitute promethazine dm syrup prescription. Where can i buy codeine and promethazine in the uk can you buy inderal over the counter buying promethazine codeine online sildenafil buy online usa. Tranexamic acid over the counter canada buy sildenafil citrate online usa where to buy tretinoin gel usp. Tretinoin retin-a where to buy tretinoin cream 025 where to buy promethazine with codeine cough syrup for sale online buy tolterodine is promethazine a prescription drug. Online prescription for promethazine codeine what is prescription promethazine for where can i get tretinoin cream 0.05. Where can i buy tretinoin cream usp hi tech promethazine codeine wholesale where can i buy promethazine and codeine buy sildenafil citrate online canada. Where can i get tretinoin gel where to buy promethazine w codeine syrup buy sildenafil tablets online beconase nasal spray for snoring. Promethazine syrup for sale inderal over the counter uk buy tolterodine online drugstore sales tax california tranexamic acid available over the counter. Promethazine 25mg $44.64 - $0.74 Per pill Over the counter version of viagra tretinoin cream where to buy uk get prescription promethazine codeine actavis promethazine cough syrup for sale. Where can i get promethazine codeine syrup beconase nasal spray for colds buy sildenafil citrate online cheap. Where to get tretinoin gel get a prescription for promethazine promethazine 25mg buy buy tolterodine online uk where do you buy tretinoin cream sildenafil online buy. Promethazine codeine online buy sildenafil online usa buy tolterodine tartrate promethazine w codeine for sale canada can you buy promethazine online. Where to buy renova tretinoin cream promethazine hydrochloride buy online buy codeine with promethazine uk Buying paroxetine online tranexamic acid over the counter uk. Promethazine tablets to buy where to buy tretinoin cream can you buy tranexamic over the counter how do u get promethazine prescription. Promethazine codeine syrup kaufen where to buy promethazine and codeine cough syrup where can i buy tretinoin gel 0.1 tolterodine buy.

Cialis online rezeptfrei kaufen Can cymbalta help with bipolar disorder Viagra jelly for sale in the uk Cialis online kaufen schweiz


Port MacquarieTweed HeadsColwood
Feasterville TrevoseTroyEdgar
MendenSchorndorf SchortensBad Liebenwerda


  • online pharmacy ireland viagra
  • is promethazine codeine over the counter in mexico
  • buy pharmacy online ireland
  • pharmacy technician courses online in ireland
  • over the counter promethazine with codeine syrup


Kamagra oral jelly na srpskom actavis promethazine for sale online phenergan suppository cost promethazine uk brands promethazine cough syrup brands. Buy 10 viagra pills clopidogrel tablet dosage promethazine with codeine canada pharmacy buy fildena extra power clopidogrel tablet dose kamagra oral jelly bg. Buy fildena 50 online clopidogrel tablets dosage kamagra oral jelly cost zofran vs phenergan cost clopidogrel tablet purpose. Buy viagra pill online cost of phenergan with codeine purple promethazine with codeine brands buy promethazine codeine canada. Buy fildena 100 online herbal viagra pills for sale kamagra oral jelly next day delivery buy fildena 100mg. How much does phenergan cost without insurance brands of promethazine codeine syrup buy single viagra pill. Promethazine syrup kaufen how can i buy viagra pills Levitra online deutschland herbal viagra pills uk Promethazine 25mg $62.94 - $0.7 Per pill. Promethazine with codeine for sale san diego kamagra oral jelly brisbane kamagra oral jelly best price uk phenergan with codeine cost. Kamagra oral jelly cheapest uk brands of promethazine codeine cough syrup promethazine codeine kaufen where can i get viagra pills in the uk. Tadalis sx soft 20 mg codeine promethazine kaufen pill 24x7 buy viagra usa viagra pills to buy phenergan cost kamagra oral jelly virkning over the counter promethazine dm syrup. Promethazine with codeine syrup brands buy fildena 50mg kamagra oral jelly benefits buy fildena 150 best viagra pills to buy cost of phenergan suppositories. Promethazine cough syrup for sale Lysteda authorized generic kamagra oral jelly vs tablets actavis promethazine codeine purple cough syrup for sale.

< Buy metformin cheap :: Valtrex sans prescription >

Atovaquone-proguanil price

Terbinafine 250 mg kopen

In Giappone vige una particolare usanza, per il giorno di San Valentino: il giri-choco. In pratica, il 14 febbraio, tradizione vuole che le donne regalino agli uomini dei cioccolatini, o comunque del cioccolato, in qualsiasi forma.

Attenzione, non a tutti gli uomini, però: dallo scambio di cioccolatini sono esclusi mariti, findanzati e ogni altro tipo di maschio con cui si abbiano relazioni di affetto o intimità; il giri-choco, infatti, è riservato agli uomini con cui si hanno relazioni formali, obbligate: in pratica a colleghi d’ufficio o superiori. Non per nulla il termine stesso, “giri-choco”, significa qualcosa tipo “il cioccolato dell’obbligo”, e non per nulla, forse, i cioccolatini che si regalno per questa ricorrenza sono in genere di qualità medio-bassa e di basso costo.

Vige però anche un’altra consuetudine, sempre per il giorno di San Valentino,  vale a dire l’honmei-choco, il “cioccolato del vero sentimento”, in occasione del quale le donne regalano sempre cioccolatini – questa volta di buona qualità e spesso fatti a mano dalle ragazze giapponesi –  a mariti, pretendenti e fidanzati vari. Uomini, insomma, con i quali si ha una relazione di amore o affetto.

Dal canto loro, i maschietti hanno la possibilità di ricambiare il cortese pensiero, obbligato o sentito, a distanza di un mese, durante il White day, quondo sono loro a dover regalare al gentil sesso cioccolatini ma anche pupazzetti o persino gioielli.

Il fatto però che sta emergendo in questi ulitmi anni è che  le donne giapponesi hanno incominciato a percepire  il giri-choco per quello che effettivamente è: un obbligo, un dovere, un atto senza alcun valore verso maschi di cui non hanno o non vorrebbero avere alcuna considerazione e di cui farebbeo volentieri a meno: in altre parole i colleghi d’ufficio. Alcune aziende nipponiche sono arrivate persino a vietare la pratica del giri-choco al loro interno, in quanto vissuto dalle dipendenti addirittura come una sorta di molestia o di abuso. Secondo uan ricerca riportata dal Corriere, ben il 56% delle donne intervistate regalerà sì, per questo San Valentino, i consueti cioccolatini, ma non li donerà a colleghi e superiori, bensì a mariti e findanzati, o comuque a membri della famiglia.

Certo è che la tradizione, nemmeno tanto antica, del giri-choco sta subendo una fase di netto declino, fatto che ha portato a un vero tracollo per diverse case di cioccolato che, proprio a causa del giri-choco, annoverano il paese del Sol Levante tra i migliori mercati per la vendita del loro cioccolato.

Ma ora non pare più tempo di obblighi, le giapponesi si stanno ribellando  a questa moda risalente agli anni ’50 e che trae origini dalle abitudini occidentali di scambiarsi cioccolatini durante le feste, e molte ditte di cioccolato, come la belga Godiva, hanno lanciato una campagna pubblicitaria in cui invitano le donne giapponesi a non sentirsi obbligate a regalare alcunché in onore del giri-choco: “Il giorno di San Valentino è un giorno in cui le persone trasmettono i loro veri sentimenti”, recita la campagna della casa belga. Che potrebbe suonare anche come un invito non a smettere di comprare cioccolato ma ad acquistarlo per coloro a cui si è legati o a cui si tiene davvero.

E i colleghi d’ufficio non paiono essere tra questa categoria. Almeno per le donne giapponesi.

Crediti: Corriere, SoraNews24

Buy codeine promethazine uk

Quest’anno Sanremo lo ha vinto Ultimo.

Anzi, no, tutto da rifare, lo ha vinto Mohamood.

O meglio, per il pubblico a casa, il vincitore, colui che ha conquistao il 46% di televoti,  è stato Ultimo, mentre invece per la giuria degli ‘esperti’ (8 persone), in massima  parte attori, giornalisti e un ristoratore con l’hobby della musica, vale a dire Joe Bastianich, e per la sala stampa, ovvero 30 persone circa, per la maggior parte tutte schierate diligentemente a a sinistra, il vincitore, guarda caso, è stato Mohammud. E’ vero, la canzone è carina, orecchiabile, ha quell’aria esotica che piace tanto, e il testo è “impegnato”, come piace tanto alla gente che conta, e tutto quello che vuoi, ma non meritava di vincere.  E non lo meritava perchè milioni di italiani, da casa, con il televoto, avevano scelto come vincitore Ultimo, che ha raggranellato il 46% di televoti contro il 12% di Mohamood.

Non ho particolari simpatie per Ultimo, non mi è piaciuto l’atteggiamento tenuto dopo il Festival e la sua canzone, per me, starebbe stata bene alla 25ma posizione, quella che,  in fondo, dovrebbe essere più ambita da uno che come nome d’arte ha scelto “Ultimo”, e non “Primo”. Ma ciò non toglie che alla maggior parte delle persone che ha votato – pagando –  da casa, il pezzo di Ultimo sia piaciuto, e tanto, talmente tanto da incoronarlo tele-vincitore. E di conseuenza, vincitore della kermesse canora. Questo in un Paese normale, in un Festival normale e con una logica normale.

Nel paese reale, invece, e più specificatmente al Festival della canzone italiana (italiana? italiana?) di Sanremo, una  giuria composta da una manata di attori, cuochi e giornalisti ha deciso che il voto dei poveracci che ha telefonato a pagamento da casa non contava nulla. Ha deciso che le sonorità rap-arabbegianti di Mohamood erano assolutamente da premiare, e chi se ne frega del televoto; in pratica, una giuria di una quarantina di radical chic ha utilizzato a suo piacimento Sanremo come mezzo per inculcare nelle menti (deboli) il messaggio global ormai imperante, selezionando i vincitori in base a parametri e ideologie che nulla hanno a che fare con la musica.  E ha stravolto, sovvertito, annullato il voto popolare, che era a favore del buon Ultimo, per il più iconico e modaiolo Mohamood. E stando così le cose,  Ultimo ha davvero tutte le ragioni per avere un diavolo per capello: provate un po’ voi a vincere un Sanremo e poi farvi scippare il titolo da una trentina di puzze sotto il naso!

E quindi, bravo Ultimo, viva Ultimo.

Anche se io continuo a preferire la Bertè.

Xalacom price uk

E’ colpa del pecorino romano se i pastori sardi stan buttando via il loro latte.

Sono ormai diversi giorni che le cronache si occupano della protesta dei produttori di latte sardi, che per fare sentire le loro ragioni stanno buttando per la strada ettolitri di latte di pecora proveniente dai loro allevamenti.

Ma cos’è che spinge i produttori sardi a tale forma di protesta? Qual è il problema su cui vogliono attirare l’attenzione, qual è la causa dei loro guai? La risposta è semplice: il pecorino romano. E’ il celebre formaggio prodotto in Lazio l’origine di tutte le magagne dei pastori sardi, colui che ha dato il via alla singolare protesta.

Il prezzo del pecorino romano infatti, prodotto in Lazio con latte di pecora proveniente dagli allevamenti sardi, ha ultimamemente fatto rilevare un notevole abbassamento di prezzo, mentre negli anni scorsi il formaggio laziale era stato protagonista di un clamoroso boom che aveva portato i produttori di formaggio a pagare fino a 85 centesimi per litro ai produttori di latte sardi. Questo fino a quando il pecorino ha retto un prezzo di circa 8 euro al chilo.

In seguito però alla curva discendente delle vendite di pecorino romano, iniziata nel 2018, e alla conseguente diminuzione di offerta di formaggio, il latte prodotto è risultato in esubero, e i produttori  di latte della Sardegna accusano ora i casari laziali di aver fatto “cartello”, ovvero di essersi accordati per mantenere basso il prezzo del latte che, ad oggi, viene loro pagato circa 5,40 centesimi al litro contro gli 85 centesimi di un paio di anni fa: un prezzo, secondo i produttori, che non basta nemmeno a coprire i costi di produzione.

D’altronde, il mercato al momento riesce ad assorbire solamete 280.000 quintali di latte all’anno per produrre il formaggio romano, mentre i litri di latte prodotti sono circa 340.000 quintali, ovvero con circa 60.00 quintali di latte in esubero per anno.

La soluzione non pare semplice: l’associazione dei pastori sardi, insieme a Coldiretti, chiede che il prezzo al litro venga mantenuto al di sopra dei 75 centesimi, e lo stesso vicepremier Salvini si è detto d’accordo nel fissare un prezzo minimo, mentre la regione Sardegna chiede in più lo stanziamento di 25 milioni per il fondo ovocaprino a sostegno della domanda di latte, proprio come lo scorso anno, durante il quale furono stanziati 45 milioni di euro.

Altra soluzione sarebbe quella di ridurre la produzione di latte, di modo che il prezzo possa risalire. Una pratica giudicata però scorretta da Coldiretti, ai sensi dell’art. 12 della legge 1/2012, che prevede l’applicazione di sanzioni in caso di condotte scorrette nel settore agroalimentare, con multe che vanno da mezzo milione ai tre milioni di euro.

Insomma, la soluzione della questione del latte di pecora prodotto in Sardegna pare ancora di là da venire, a meno che non si decida tutti quanti di aiutare direttamente i pastori sardi e i loro allevamenti. Come? Semplice, mangiando più pecorino romano, e mettendo così tutti d’accordo: allevatori, produttori e, soprattutto, il nostro palato.

Crediti: Il Corriere

Viagra online in canada

Da un po’ di tempo sono arrivata alla conclusione che la tavoletta del water è il posto più sano e pulito dove poter mangiare un boccone in santa pace all’interno delle nostre confortanti mura domestiche.

Infatti, non passa giorno che non si legga qualche notizia, qualche titolo che annunci che qualcosa, qualsivoglia cosa, è risultata, in base a studi  e ricerche, mille volte più sporca di una tavoletta del WC. Si passa dallo schermo del cellulare, autentico coacervo di plotoni di batteri, alla tastiera del computer, su cui picchiettiamo tutto il giorno con le nostre manacce sporche, alla spugnetta per lavare i piatti, dove i batteri, al caldo umido del tessuto, se la spasserebbero alla grande, per finire con le virili barbe, che molti chef ostentano fieramente, dove sono stati rilevati numerosissimi batteri che manco le tavolette del water della più sordida latrina di stazione.

Ma la cosa più sconcertante è che ora, ad essere più sporchi di una tavola di WC, sono risultati essere i taglieri. I taglieri da cucina, gli innocui taglieri di legno a forma di porcello o squadrata, così come anche quelli in plastica che fino a oggi ritenevamo sicuri, i taglieri su cui ogni giorno appoggiamo verdura, carne, pesce, dove impastiamo le tagliatelle e via dicendo. A raccontarci questa lieta novella è il Corriere, che, riportando i dati di una ricerca inglese, fa notare che i taglieri da cucina arrivano ad essere circa 200 volte più sporchi e pieni di batteri letali per la salute dell’uomo della fatidica tavola di water, fino ad oggi campionessa incotrastata, nell’immagionario collettivo, di sporcizia, germi, batteri e altre amenità.

In effetti già tutti noi sapevamo che, ad esempio, in cucina sono da evitare i classici taglieri in legno, in quanto le scalfiture e le abrasioni del legno sono il luogo ideale per il proliferare dei batteri, ma addirittura che tutti i taglieri da cucina, in legno o no, possano essere così nefasti e malsani forse nessuno di noi lo sospettava.

Sempre sul Corriere, vegnono riportai i consigli dell’esperta in igiene alimentare Lisa Ackerley, che detta alcune semplici regole da osservare quando si maneggia quell’arma di distruzione di massa che è il tagliere da cucina: innanzi tutto non utilizzare semplicmente il solito panno da cucina – o peggio ancora una spugnetta da cucina – , per pulire il taglieri, non solo in quanto panni e spugne sono risultarti essere dei veri ricettacoli di germi, ma anche per evitare di spargere batteri in giro da una superficie all’altra, contaminando tutta la nostra cucina. Altro accorgimento è quello di non utilizzare mai solamente acqua, per la pulizia,  ma un detergente antibatterico, da lasciare agire per cinque minuti sul tagliere incriminato, provvedendo poi a sciacquarlo bene e ad asciugarlo. Altra accortezza è quella di utilizzare diversi taglieri, per alimenti cotti e alimenti crudi, in modo da evitar contaminazioni incrociate tra gli stessi. Anche cambiare spesso i taglieri, destinando alla spazzatura o alla cantina il maialino in legno della nonna potrà servire a salvarci la vita, anche considerando che i batteri non hanno affatto vita breve, come molti erroneamente credono: ad esempio, l’Escherichia coli può durare settimane –   set-ti-ma-ne!! – nelle fessure dei nostri taglieri usurati, così come anche in frigorifero.

Insomma, tra spugne piene di batteri, taglieri gonfi di germi e strofinacci intrisi di chissà quale altra nefandezza, davvero, forse, faremmo meglio a deciderci, e a mangiare una volta per tutte sulla tavoletta del WC, che, a quanto pare, è molto più pulita di molte altre superfici ritenute erronamente innocue e pulite.

Crediti: Il Corriere

Viagra generika online schweiz

Il Paris- Brest, in Francia, è praticamente un dolce nazionale. Non c’è pasticceria, grande, piccola, rinomata oppure sconosciuta, che non lo proponga nella propria vetrina, sia nella forma classica, rotonda, o per meglio dire a ruota di bicicletta (tralasciamo il solito racconto sull’orgine del Paris- Brest dall’omonima corsa cicilistica, reperibile facilmente in rete) ma anche sotto forma di éclair, bigné o religieuse. L’importante è che sia composto di tutte le canoniche preparazioni che un vero Paris Brest richiede: leggeri bignè di pasta choux ripieni di morbida crema mousseline al pralinato. Per i profani ricordiamo che la crema mousseline è una crema pasticciera a cui è stato aggiunto del burro freddo, e poi montata per renderla gonfia e spumosa, mentre il pralinato è una preparazione che si ottiene triturando in un mixer della frutta secca fino a ridurla in pasta-noci e mandorle, in generale – assieme a del caramello: sotto l’azione del mixer, la frutta secca  rilascia i suoi oli, dando luogo, assieme al caramello, prima a una polvere, e  dopo qualche minuto a una golosissima crema. Ecco, questo potrebbe bastare a spiegare l’enoerme fama e l’apprezzamento di cui gode questo dolce d’Oltralpe. Ma se la ruota di pasta choux viene composta, invece che essere un blocco unico, da tatni piccoli bignè, sopra ognuno dei quali si posiziona  una croccante e sottile sfoglia di craquelin, e se il il pralinato, oltre a metterlo nella crema, viene trasformato in una sorta di cuore colante al centro di ognuno dei singoli choux, allora davvero si è di fronte a un capolavoro assoluto della pasticceria francese: il Paris-Brest di Philppe Conticini. Una squisitezza senza pari, quella del maestro francese, che con questa preparazione si  è unanimemente aggiudicato il titolo di produttore del più buon Paris- Brest in assoluto.  Una delizia che è un vero peccato non assaggiare, ma che si può comunque gustare anche senza andare fino a Parigi, alla boutique di Conticini “Gateaux d’émotions”.  Basta armarsi di pazienza, e farselo in casa propria, con la ricetta che il maestro stesso ha condiviso, con tanto di video, sul suo profilo Facebook, per la nostra gioia e di tutti i golosi dle mondo che hanno la disgrazia di non poter vivere a Parigi.

Provate a farlo: non è difficile, basta organizzarsi, suddividere le preparazioni e partire il giorno prima: in pratica, il giorno precededente la preparazione totale, preparate il craquelin (ci van 5 minuti d’orologio), il pralinato e magari anche la pasta choux, di modo che abbiate il tempo di cuocerla e farla raffreddare completamente. Il giorno dopo vi dedicate alla crema e al montaggio del dolce.  E tutto diventa facile. E soprattutto, buono, anzi, squisito: potrete assaporare la setosa pasta choux che racchiude una crema mousseline pralinata dolce a avvolgente, e in mezzo a tanta deliza, assaporare un cuore morbido e colante di pralinato puro, che contrasta, con il suo gusto forte e definito, la voluttà della crema mousseline. Devo aggiungere altro?

 

 

Eh, sì…

 

PARIS- BREST DI PHILIPPE CONTICINI

Ingredienti per 1 Paris- Brest composto da 8 choux (questo quanto riportato da Conticini sulla pagina FB, anche se in realtà con le dosi indicate, per alcune preparazioni come pralinato e pasta choux, otterete una quantità maggiore di quella necessaria per un solo Paris- Brest, ma il maestro raccomanda comunque di preparare sempre delle quantità maggiori, per essere sicuri di aver sempre basi a sufficienza).

PER IL PRALINATO (da fare preferibilmente il giorno prima; in realtà per un Paris Brest ne basta la metà, ma Conticini suggerisce di farne comunque in più; io ne ho fatto metà dose)

  • 250 g di mandorle
  • 250g di nocciole  senza pelle
  • 500g de sucre

Tostate le mandorle e e le nocciole per circa 15-20 minuti in forno a 150°, statico, avendo cura di metterle in una teglia in un solo strato.

Con lo zucchero fate un caramello biondo (160-165°C; munitevi, se preferite,di un termometro da cucina; attenzione perchè oltre i 175°C il caramello prende un sapore amarissimo e dovrete buttare tutto), poi mettete le mandorle e le nocciole su un foglio di carta forno, tutte ben vicine una all’altra, poi rovesciatevi sopra il caramello appena tolto dal fuoco.

 

Fate raffrddare per una decina di minuti a temperatura ambiente poi mettete la “lastra” di frutta secca e caramello in frigo per un’ora o due. Dopodichè, prendete il pralinato, spezzatelo in più pezzi e frullatelo in un mixer, fino a ottenere una crema: prima si formerà una polvere, e dopo qualche minuto i frutti secchi espelleranno il loro olio formando appunto una sorta di crema.

Riemmpite  un sac à poche e poi versate il pralinato in uno stampo di silicone a semisfere di 3 cm di diametro. Mettete in congelatore per almeno un’ora (meglio ancora preparare il tutto il giorno prima).

Il pralinato al momento in cui è colato negli stampi…

…e il pralinato una volta congelato e tolto dagli stampi

PER IL CRAQUELIN (da fare preferibilmente il giorno prima o cmq prima della pasta choux)

  • 50g di farina
  • 50g di zucchero di canna
  • 40g di burro

Unite tutti gli ingredienti velocemente, a mano o nel mixer, e formate una palla di impasto, poi appiattitela con il mattarello allo spessore di 2 mm dopo averla messa tra due fogli di carta forno.

Mettete nel frigo mentre preparate la pasta choux.   Al momento di utilzzarla, togliete dal frigo e ritagliate dei cerchi di circa 4 cm di diametro (potete utizzare, al contrario, il beccuccio per sac à poche)

PER LA PASTA CHOUX

(anche la base di choux si può fare e cuocere il giorno prima, di modo che abbia tempo di raffreddarsi completamente prima di essere farcita)

(io ho dimezzato le dosi rispetto a quelle di Conticini sotto riportate, ottenendo due Paris-Brest ognuno composto da n. 8 bignè, e avanza un poco di pasta. Con la dose di Conticini verrebbero quindi 4/5 bignè; potrete anche tranquillamente congelare l’impasto, come consiglia Conticini)

  • 125g di acqua
  • 125g di latte
  • 125g di burro tagliato a dadi
  • 165g di farina
  • 4g di sale
  • 5g  di zucchero
  • 250g di uova intere battute (circa 4/5)

Preriscaldate il forno a 185°C, statico.

In una pentola, portate a ebollizione l’acqua, il latte, il burro, il sale e lo zucchero. Quando il burro è fuso, fuori del fuoco, aggiungete la farina tutta in una volta. Rimettete suo fuoco e mescolate energicamente per circa 2 o 3 minuti per togliere l’eccesso di umidità alla pasta. Subito si staccherà dalle pareti del pentolino, voi continaute a girare e cuocere per il tempo sopra indicato. Mettete poi l’impoasto nella tazza di  una planetaria con il gancio a K, e fate raffreddare un paio di minuti, poi  aggiungete un uovo, sbattuto, lentamente, arrivando a 4 uova. Dopodichè verficate la consistenza della pasta: potrebbe non occorere tutto il quinto uovo. Per sapere se la pasta ha la giusta quantità di uova, sollevatela con una spaola: se l’impasto scenderà lentamente formando una sorta di triangolo, sarà pronta. Oppure, come dice Conticini, tracciate con un dito, immerso fino a metà, un solco nella psta: se il solco si richiuderà lentamente, non avrete bisogno di aggiungere il quinto uovo, se invece resterà quasi fermo, occorrerà aggiungerlo. Mettere quindi l’impoasto in un sac à poche con boccetta liscia da 1,5 cm di diamentro, e formate su un pezzo di carta forno, posizionato preferibilemnte su un tappetino di Silpat, dove avrete tracciato con un compasso o con un piatitno un cerchio da 16 cm di diametro (girare la  carta forno dal lato non scritto), formare 8 bignè, prima formando i quattro ai quattro “punti cardinali” e poi formando quelli intermedi, di modo che gli 8 bignè si tocchino e in cottura si uniscano a formare una “ruota” ottenebdo così la classica forma a cerchio del Paris- Brest.

In alternataiva, per avere dei bignè perfettaente rotondi, riempite con il sac à poche uno stampo in silicone a semisfere di 4 cm di diametro, e mettetelo in congelatore per almeno due ore. Dopodichè togliete gli choux dallo stampo e posizionateli in cerchio come descritto sopra. Posizionate quindi un disco di craquelin sopra ogni choux e  fate cuocere per 45 minuti a forno statico a 185° C, senza mai aprire il forno.

 

PER LA CREMA PASTICCIERA PRALINATA

(la dose è gisuta per un singolo Paris Brest. Come consiglia Conticini, se volete essere sicuri di averne a sufficienza, moltiplicate le dosi per 1,5)

  • 130g di latte scremato (intero se volete una consistenza più ricca)
  • 25g di panna
  • 15g di amido di mais
  • 20g di zucchero
  • 2 tuorli
  • 2g di gelatina per dolci
  • 85 g  di pralinato
  • 70g di burro

Fate ammoridire la gelatina per almeno un quarto d’ora in acqua fredda (se usate quella granulare non sarà necessario). Portate a ebollizione la panna e il latte in un pentolino. Nel frattempo, mescolate senza montare i tuorli con lo zucchero in una terrina, dopodichè aggiungete l’amido di mais, e continuate a mescoalre. Aggiungete panna e latte bollenti sui tuorli, prima una metà per stemperare le uova senza farle cuocere, e poi la seconda metà, sempre mescolando. Rimettete quindi tutto sul fuoco dolce e giratte continauemente fino a che la crema diventa spessa, più o meno due minuti dopo che ha iniziato a bollire. Togliete il pentolino dal fuoco e aggingete la gelatina ammollata e strizzata, girate e poi aggiungete il pralinato. Quando la crema è tiepida, aggiungete il burro e poi affinate con un mixer a immersione. Mettete in un recipiente, possibilmente largo e basso, coprite a contattto con la pellicola e mettete in frigo per almeno un’ora. Al momento dell’utilizzo, mescolate la crema per circa 5 minuti con le fruste elettriche (o nella planetaria con la frusta) o comqunque fino a che la crema è gonfia e morbida (a seconda della potenza e della grandezza della vostra frusta potrebbero occorrere anche 10 minuti) e mettete in un sac à poche con beccuccio liscio da 8 mm.

MONTAGGIO DEL DOLCE

Tagliate la corna di choux a metà alatezza. E’ una fase molto delicate, la corona di choux può rompersi facimente, quindi utilizzate un coltello affilato e aiutatevi appoggiando la mano leggeremnte sulla corona mentre procedete al taglio. Mettete una parte di crema pasticciera in ogni choux, non tutta, per riempire la cavità inferiore degli choux.  Mettete delicatamente su questi una semisfera di pralinato congelato (se non l’avete congelato, distriuitente un po’ nel centro di ciascuna semisfera con un sac à poche).

Dopodichè,  poi mettete, sempre con il sac à poche, il resto della crema pasticciera, su ogni mezzo choux, avendo cura ri “rinchiudere” la semisfera di pralinato (ok, avrei potutto fare una cosa più aromoniosa, ma è andata così)

Posizionate quindi la parte superiore della corona sopra il tutto e, se vi piace, spolverizzate di zucchero a velo. Il vostro Paris- Brest è pronto. Per gustarlo al meglio, mangiatelo appena fatto, oppure, se conservato in frigo, tiratelo fuori dal frigo una mezz’oretta priam di consumarlo, di modo che le creme riacquistino la loro consistenza morbida e vellutata.

 

 

What is the price of metoclopramide in the us

Chiude definitivamente Peyrano, la storica cioccolateria torinese che per più di un secolo è stato un punto di riferimento fisso per i palati torinesi.

Lo stabilimento di Corso Moncalieri 47, che sin dal 1915 ha prodotto cioccolato, gianduiotti, praline e, in passato, anche dolci, chiude infatti definitivamente i battenti: fallite le trattative per cercare di salvare la storica casa torinese trovando compratori seri e intenzionati a portare avanti la storia dell’antica cioccolatiera, che nel 2002 era stata rilevata dal gruppo napoletano Maione. In seguito, nel 2010, dopo il fallimento del gruppo napoletano, i fratelli Peyrano avevano nuovamente rilevato l’azienda: Bruna e Giorgio Peyrano, incuranti dei loro 70 anni, avevano cercato di riportare la ditta sui binari della tranquillità finanziaria con rinnovata energia, riassumendo anche i vecchi dipendenti, ma purtroppo le cose non sono andate come previsto: “nel riaprire l’attività abbiamo affrontato costi imprevisti con i macchinari – dice Giorgio Peyrano-. Forse abbiamo fatto qualche errore. La crisi non ci ha aiutato. E Torino ci ha un po’ abbandonato”.

E intanto i debiti si sono accumulati: tra quanto dovuto per affitti arretrati, retribuzioni ai dipendenti ed altri voci, il debito complessivo ammonta oggi a cinque milioni. Ed ora, la sentenza dichiarativa di fallimento verso la ditta Jacopey cioccolato, la società dei fratelli Peyrano.

Per quanto riguarda il marchio Peyrano, invece, verrà messo all’asta. Ma senza l’esperienza, le capacità e la passione degli originari titolari, e senza l’antica e calda bottega di Corso Moncalieri, non sarà mai più la stessa cosa.

Immagini: La Stampa

Finasterid online apotheke

Ormai il cibo è diventato una vera moda.

E la dimostraziome arriva nientemeno che da uno dei re del fashion, Giorgio Armani, che ha deciso di dare una nouva veste al suo brand di dolci “Armani Dolci”.  E per essere sicuro  di fare centro, il celebre stilista ha deciso di affidarsi, per la produzione delle sue delikatessen d’alta moda,  a uno dei più abili cioccolatieri a livello internazionale, vale a dire il torinese Guido Gobino. Una partnership che va a sostituirsi a quella che  vedeva Armani in società con un’altra celebre casa di cioccolato piemontese, Venchi, con cui lo stilista aviva avviato una collaborazione vent’anni fa.

Gobino si è detto onorato della collaborazione con Armani  nonchè entusiasta per le nuove sfide che che lo attendono, e ha precisato che tutte le specialità prodotte per il progetto dello stilista saranno ottenute artigianalmente con le migliori e più selezionate materie prime –  come fave di cacao  provenienti da  Venezuela, Ecuador, Messico, o nocciole IGP delle Langhe –  e grazie alle tecniche produttive più all’avanguardia, che il maestro cioccolatiere ha completamente implementato e affinato a partire dagli anni ‘9 e che gli hanno permesso di essere presente con i suoi dolci in ben 24 Paesi nel mondo.

I prodotti a marchio Armani- Gobino sono già in vendita a Milano, e a breve dovrebbero essere reperibili anche in altre grandi città italiane e nei dodici store situati all’estero, Parigi e Kuala Lampur compresi. La linea di prodotti di Armani Dolci inoltre non riguarderà esclusivamente il mondo del cioccolato, ma dovrebbe allargarsi ad altri settori, sempre nel comparto dolce.

Un’unione più che azzeccata, quella dei due maestri, che unisce due dei trend più gettonati del momento, cibo e moda: ci sono tutte le premese perchè la collaborazione vada a gonfie vele.

Crediti: Il Sole 24Ore

Generic valtrex online canada

Lo scoiattolo grigio, si sa, è un animale infestatante. Dovunque arrivi, il prolifico roditore si riproduce a velocità vertiginose, creando non pochi problemi ai suoi simili e anche all’ecosistema circostante.

Arrivato nella vecchia Europa nel secolo scorso come ricordo di viaggio di alcuni turisti che si erano recati in Nord America, patria di questi graziosi animaletti, lo scoiattolo grigio si è poi ambientato perfettamente nel vecchio mondo, e ha cominciato a proliferare in maniera esponenziale, tanto da mettere a rischio la sopravvivenza della specie autoctona, lo scoiattolo rosso europeo, ormai quasi in via di estinzione. Infatti, lo scoiattolo grigio è portatore sano di un virus, il parapoxvirus, innocuo per gli umani, che si è rivelato letale per lo scoiattolo rosso europeo, e che ha contribuito inesorabilmente alla sua progressiva scomparsa.

Non per nulla l’UE ha inviato all’Italia – dove lo scoiattolo grigio è molto diffuso, in modo particolare in Piemonte, Liguria e Umbria –  ben tre raccomandazioni ufficiali esortandoci a porre un freno alla riproduzione del roditore, mentre Francia e Svizzera, che confinano con i nostri boschi, hanno anche diplomaticamente fatto sapere che “se troviamo anche un solo scoiattolo (grigio) nei nostri boschi, sarà guerra”. Questo, tanto per illustrare l’aria che tira, qui in Europa, attorno allo scoiattolo grigio.

Ma se l’Italia piange, l’Inghilterra non ride. Anche la Gran Bretagna, infatti, ha il suo bel surplus di scoiattoli grigi, considerato che una stima del 2009 riportata dal National Geographic ha fatto registrare nel Regno Unito la cifra di circa due milioni e mezzo di scoiattoli grigi contro le 10-15.000 unità di quelli rossi. Ma la differenza di approccio rispetto a noi è che gli inglesi, con la loro flemma e il loro pragmatismo secolare, hanno trovato un modo davvero infallibile, sano e a costo zero per contrastare la riproduzione incontrollata degli scoiattoli grigi: mangiarseli.

Proprio così: gli inglesi, già da almeno un decennio, si sono fatti promotori della campagna “Save our  Squirrels”, salviamo i nostri scoiattoli, al grido di “mangia un grigio e salva un rosso”, e  hanno pensato bene di sterminare i fastodiosi animaletti facendoli finire direttament in padella.

Il simpatico roditore, infatti, pare abbia carni buonissime, con pochi grassi e dal gusto dolce, simili al coniglio ma un po’ più grasse. Per altri invece sa di nocciole, per altri ancora di agnello misto ad anatra. Gli inglesi ne vanno pazzi, i macellai li finiscono in un amen e i centri commerciali, dove spesso si trovano anche surgelati, li vendono a manetta, mentre le massaie adorano cucinarli con patatine fritte, assieme a salsiccia e pancetta, o come ripieno di morbide pies di carne. Per non parlare dei ristoranti, come il noto St. John, che lo inserisce in carta quando di stagione (principalmnte in primavera), o gli chef britannici, come Hugh Fearnley-Whittingstall, che li cucinano tranquillamente nei programmi TV senza che a nessun inglese onnivoro venga in mente di scandalizzarsi o storcere il naso di fronte all’inconsueto piatto.

D’altronde, in Nord America, patria dello scoiattolo grigio, la tradizione di mangiare scoiattoli è secolare, ed è stata riportata anche nei ricettari di cucina, almeno fino alla metà del secolo scorso, quando lo scoiattolo è scomparso dalle cucine e dai ricettari americani in quanto giudicato un pasto troppo umile, amato solo da bifolchi e montanari.  Famoso e molto consumato era lo stufato di Brunswick, ora preparato con pollo o maiale, dove la carne di scoiattolo era cucinata con brodo di vitello, Madera e fagioli.

E oggi, la carne di scoiattolo, è ritornata prepotentmente alla ribalta come cibo etico, sostenibile e salutare. E anche buono. Da noi, qui in Italia, tale moda non è ancora arrivata, nè è detto che arrivi o attecchisca, vista l’alta concentrazione di movimenti animalisti e una (comprensibile) naturale repulsione per i roditori cucinati, ma non si può mai sapere.

D’altronde,  qui a Torino, nei parchi cittadini, c’è  una folta schiera di scoiattoli grigi che spesso si spingono fino nelle strade circostanti a cercare cibo.

Chissà, magari una volta o l’altra….

 

 

Crediti: National Geographic, Corriere, Repubblica. Immagini: Alamy

Buy propecia finasteride australia

Il trapizzino? Ora sbarca anche a Torino.

E se qualche torinese ancora non sa esattamente di cosa si tratti, non ha che da pazientare un poco: a marzo, infatti, l’ormai celeberrima invenzione del pizzaiolo romano Stefano Callegari si potrà gustare anche nella capitale sabauda, e più precisamente, secondo le indiscrezioni, a Porta Palazzo, mercato e cuore multietnico del cibo, più precisamente all’interno del Palafuksas, l’edificio di vetro e acciaio un tempo adibito a mercato dell’abbigliamento e che oggi ospita botteghe gastronomiche di ogni tipo, dal macellaio al salumiere, dal panetterie  al pastificio, e che troneggia imponente ai lati della Piazza, vicino ai cosiddetti “contadini”.

Il Trapizzino, per quegli sparuti individui che ancora non lo sapessero, è il celebre “panino” di forma triangolare, e che deve parte del suo nome, e della sua forma, al tramezzino, quel tramezzino che proprio a Torino fu tenuto a battesimo da Gabriele D’annunzio, che nel lontano 1925 per primo addentò quel morbido sandwich di pane tostato tagliato in triangoli al Caffè Mulassano, dove i proprietari, tornati dall’America, si erano portati una macchina tostapane e con quella deliziavano i clienti con i loro tramezzini ripieni di burro e acciughe, peperoni e acciughe e altre tipicità torinesi. Il trapizzino, invece, di torinese ha solo parte del nome: per il resto, infatti, si tratti di un triangolo di pizza bianca riempito con i classici della cucina romana: polpette al sugo, coda alla vaccinara, pollo alla cacciatora, lingua in salsa verde, trippa, broccoli e salsiccia, carciofi alla romana, guancia brasata, coratella con cipolle e chi più ne ha  più ne metta.  Un vero tripudio di gusti e di sapore, che ben poco hanno a che spartire con le classiche, tristi farciture a base di verdura scondita o salumi di seconda scelta.

Un’idea semplice, quella avuta da Callegari nel 2008, ma che ha conquistato rapidamente i palati non solo nazionali, ma di tutto il mondo: prima di Torino, infatti, il Trapizzino è giù sbarcato, oltre che ovviamente a Roma, a Milano, Firenze e anche a New York. E ora, anche i torinesi potranno gustare il famoso trapizzino, magari sperando, nel profondo del loro cuore, che ne venga offerta anche una versione in salsa piemontese, magari farcito con tomini elettrici, acciughe al verde o, perchè no, con peperoni, cardi gobbi e topinambur freschi conditi da qualche generosa cucchiaiata di bagna caoda.

Crediti: Diario di Torino, Mole24, Il Messaggero. Immagini: Il Trapizzino